Benvenuto su Inforge
Rimuovi la pubblicità e partecipa alla più grande comunità italiana sul mondo digitale presente sul web sin dal 2007.
Iscriviti

News Il futuro dell'Europa rispetto alle tematiche di cybersecurity

0xbro

Moderatore
24 Febbraio 2017
3,226
2,151
894

Europa e sicurezza informatica si incontrano per discutere un piano per il futuro​

Articolo tradotto da securityaffairs.co


Durante la recente videoconferenza dei membri del Consiglio europeo (25-26 febbraio 2021), il capo della NATO Jens Stoltenberg ha sottolineato l'importanza di definire una strategia per rafforzare la difesa e la sicurezza.
"Vogliamo agire in modo più strategico, per difendere i nostri interessi e promuovere i nostri valori", ha detto Charles Michel, presidente del Consiglio europeo. "Rafforzeremo la nostra cooperazione e il nostro coordinamento per combattere le minacce informatiche e la disinformazione".

Gli Stati membri hanno sottolineato l'importanza di una stretta cooperazione con la NATO e il rafforzamento dei partenariati con le Nazioni Unite e i principali partner regionali. I leader dell'UE hanno sottolineato che non vedono l'ora di cooperare con la nuova amministrazione statunitense su un'agenda transatlantica forte e ambiziosa che includa un dialogo stretto sulla sicurezza e la difesa.
Alla luce del crescente numero e della complessità delle minacce informatiche, miriamo a rafforzare la resilienza e la capacità di risposta dell'Europa nel settore informatico e a migliorare il quadro di gestione delle crisi in materia di sicurezza informatica. A seguito della strategia di cybersicurezza presentata nel dicembre 2020, invitiamo la Commissione e l'Alto rappresentante a riferire sull'attuazione entro giugno 2021.
si legge in una dichiarazione dei leader dell'UE.
Inoltre, invitiamo i colegislatori a portare avanti rapidamente i lavori, in particolare sulla direttiva rivista sulla sicurezza delle reti e dei sistemi informativi (direttiva NIS 2). Chiediamo anche una maggiore cooperazione e coordinamento per prevenire e rispondere alle minacce ibride, compresa la disinformazione, tra l'altro coinvolgendo il settore privato e gli attori internazionali interessati.

I leader dell'UE hanno invitato la Commissione e l'Alto rappresentante, Josep Borrell, a lavorare sull'attuazione della strategia di sicurezza informatica entro giugno 2021. I 27 leader hanno inoltre discusso su come aumentare la resilienza delle loro infrastrutture ai cyberattacchi e alle minacce virtuali.​
In secondo luogo, dobbiamo affrontare nuovi tipi di minacce, cyber, ibride e di disinformazione. E dobbiamo rafforzare la nostra resilienza, dobbiamo anche adattare i nostri strumenti

I partecipanti erano preoccupati per i rischi associati ai cyberattacchi e l'ascesa della Cina.
"Gli sforzi dell'UE vanno di pari passo con gli sforzi militari in tutto il continente", ha detto Stoltenberg.
Per la NATO, il compito principale durante questa pandemia è stato quello di assicurarsi che una crisi sanitaria non si trasformi in una crisi di sicurezza, perché le minacce che abbiamo affrontato prima della pandemia, sono ancora lì: Le azioni aggressive della Russia, forme più brutali di terrorismo, sofisticati attacchi informatici, l'ascesa della Cina e le implicazioni di sicurezza del cambiamento climatico.

Sembra dunque che il futuro sia sempre più roseo per questo settore, con la possibilità che nuovi posti di lavoro e altrettante imprese possano nascere per mantere alta l'attenzione riguardo queste teamtiche.



Come pensate che si svilupperà la faccenda?​

Saranno solo parole buttate al vento o avranno davvero intenzione di attuare tale manovra a livello europeo?
Fammello sapere con un commento al topic, sono curioso di sapere cosa ne pensi la gente!
 
Supporta Inforge con una donazione

Thomas Shelby

Utente Gold
28 Giugno 2020
1,052
442
345

Europa e sicurezza informatica si incontrano per discutere un piano per il futuro​

Articolo tradotto da securityaffairs.co


Durante la recente videoconferenza dei membri del Consiglio europeo (25-26 febbraio 2021), il capo della NATO Jens Stoltenberg ha sottolineato l'importanza di definire una strategia per rafforzare la difesa e la sicurezza.
"Vogliamo agire in modo più strategico, per difendere i nostri interessi e promuovere i nostri valori", ha detto Charles Michel, presidente del Consiglio europeo. "Rafforzeremo la nostra cooperazione e il nostro coordinamento per combattere le minacce informatiche e la disinformazione".

Gli Stati membri hanno sottolineato l'importanza di una stretta cooperazione con la NATO e il rafforzamento dei partenariati con le Nazioni Unite e i principali partner regionali. I leader dell'UE hanno sottolineato che non vedono l'ora di cooperare con la nuova amministrazione statunitense su un'agenda transatlantica forte e ambiziosa che includa un dialogo stretto sulla sicurezza e la difesa.

si legge in una dichiarazione dei leader dell'UE.


I leader dell'UE hanno invitato la Commissione e l'Alto rappresentante, Josep Borrell, a lavorare sull'attuazione della strategia di sicurezza informatica entro giugno 2021. I 27 leader hanno inoltre discusso su come aumentare la resilienza delle loro infrastrutture ai cyberattacchi e alle minacce virtuali.​


I partecipanti erano preoccupati per i rischi associati ai cyberattacchi e l'ascesa della Cina.
"Gli sforzi dell'UE vanno di pari passo con gli sforzi militari in tutto il continente", ha detto Stoltenberg.


Sembra dunque che il futuro sia sempre più roseo per questo settore, con la possibilità che nuovi posti di lavoro e altrettante imprese possano nascere per mantere alta l'attenzione riguardo queste teamtiche.



Come pensate che si svilupperà la faccenda?​

Saranno solo parole buttate al vento o avranno davvero intenzione di attuare tale manovra a livello europeo?
Fammello sapere con un commento al topic, sono curioso di sapere cosa ne pensi la gente!
L’Europa da molto cerca di stare al passo con i tempi e migliorare la propria sicurezza informatica su diversi livelli.
Il discorso è che, come sempre, ci vogliono le giuste infrastrutture, una commissione/team dedicata/o e sopratutto molti soldi da investire per ricerca e sviluppo.
Spero che queste affermazioni abbiamo un seguito dato che, nel periodo di pandemia, le intrusioni informatiche sono aumentate esponenzialmente e questo ha causato e continuerà a causare problemi alle istituzioni ed ai nostri dati sensibili.
 

0xbro

Moderatore
24 Febbraio 2017
3,226
2,151
894
L’Europa da molto cerca di stare al passo con i tempi e migliorare la propria sicurezza informatica su diversi livelli.
Il discorso è che, come sempre, ci vogliono le giuste infrastrutture, una commissione/team dedicata/o e sopratutto molti soldi da investire per ricerca e sviluppo.
Spero che queste affermazioni abbiamo un seguito dato che, nel periodo di pandemia, le intrusioni informatiche sono aumentate esponenzialmente e questo ha causato e continuerà a causare problemi alle istituzioni ed ai nostri dati sensibili.
Esatto, diciamo che se prima era un "eccesso di zelo", ora invece è una necessità che non può più essere ignorata! Spero vivamente di vedere dei cambiamenti per il futuro (soprattutto per il nostro paese), non possiamo restare ulteriormente indietro (più di quando già non lo siamo)
 
Supporta Inforge con una donazione

Thomas Shelby

Utente Gold
28 Giugno 2020
1,052
442
345
Esatto, diciamo che se prima era un "eccesso di zelo", ora invece è una necessità che non può più essere ignorata! Spero vivamente di vedere dei cambiamenti per il futuro (soprattutto per il nostro paese), non possiamo restare ulteriormente indietro (più di quando già non lo siamo)
L’Italia sarà comunque l’ultima a seguire questo movimento, ne sono certo :orgoglio:
 
  • Love
Reactions: GrincH--

ConanDP

Utente Bronze
15 Giugno 2016
24
10
36

Europa e sicurezza informatica si incontrano per discutere un piano per il futuro​

Articolo tradotto da securityaffairs.co


Durante la recente videoconferenza dei membri del Consiglio europeo (25-26 febbraio 2021), il capo della NATO Jens Stoltenberg ha sottolineato l'importanza di definire una strategia per rafforzare la difesa e la sicurezza.
"Vogliamo agire in modo più strategico, per difendere i nostri interessi e promuovere i nostri valori", ha detto Charles Michel, presidente del Consiglio europeo. "Rafforzeremo la nostra cooperazione e il nostro coordinamento per combattere le minacce informatiche e la disinformazione".

Gli Stati membri hanno sottolineato l'importanza di una stretta cooperazione con la NATO e il rafforzamento dei partenariati con le Nazioni Unite e i principali partner regionali. I leader dell'UE hanno sottolineato che non vedono l'ora di cooperare con la nuova amministrazione statunitense su un'agenda transatlantica forte e ambiziosa che includa un dialogo stretto sulla sicurezza e la difesa.

si legge in una dichiarazione dei leader dell'UE.


I leader dell'UE hanno invitato la Commissione e l'Alto rappresentante, Josep Borrell, a lavorare sull'attuazione della strategia di sicurezza informatica entro giugno 2021. I 27 leader hanno inoltre discusso su come aumentare la resilienza delle loro infrastrutture ai cyberattacchi e alle minacce virtuali.​


I partecipanti erano preoccupati per i rischi associati ai cyberattacchi e l'ascesa della Cina.
"Gli sforzi dell'UE vanno di pari passo con gli sforzi militari in tutto il continente", ha detto Stoltenberg.


Sembra dunque che il futuro sia sempre più roseo per questo settore, con la possibilità che nuovi posti di lavoro e altrettante imprese possano nascere per mantere alta l'attenzione riguardo queste teamtiche.



Come pensate che si svilupperà la faccenda?​

Saranno solo parole buttate al vento o avranno davvero intenzione di attuare tale manovra a livello europeo?
Fammello sapere con un commento al topic, sono curioso di sapere cosa ne pensi la gente!
In questi ultimi anni l'UE ha fatto non pochi passi in questo campo, per esempio con l'introduzione dei CSIRT (Computer Security Incident Response Team) oppure con il potenziamento dell'Enisa (l'agenzia di Cybersecurity europea), tra l'altro mi piacerebbe un giorno magari fare una scappatina ad Atene per uno stage li.

Il problema più che altro secondo me è se (si spera di si) e soprattuto quando gli stati europei recepiranno il tutto, (sperando di non ritrovarci tra 10 anni con sanzioni dalla commissione perché non abbiamo fatto niente).

Poi ci sono io che aspetto un intelligence europea stile CIA per farmi reclutare ed andare ad hackerare il mondo :frog-ez:

European Intelligence Agency... Si ci sta.
 

0xbro

Moderatore
24 Febbraio 2017
3,226
2,151
894
L’Italia sarà comunque l’ultima a seguire questo movimento, ne sono certo :orgoglio:
Speriamo di no dai ahahaha

In questi ultimi anni l'UE ha fatto non pochi passi in questo campo, per esempio con l'introduzione dei CSIRT (Computer Security Incident Response Team) oppure con il potenziamento dell'Enisa (l'agenzia di Cybersecurity europea), tra l'altro mi piacerebbe un giorno magari fare una scappatina ad Atene per uno stage li.

Il problema più che altro secondo me è se (si spera di si) e soprattuto quando gli stati europei recepiranno il tutto, (sperando di non ritrovarci tra 10 anni con sanzioni dalla commissione perché non abbiamo fatto niente).

Poi ci sono io che aspetto un intelligence europea stile CIA per farmi reclutare ed andare ad hackerare il mondo :frog-ez:

European Intelligence Agency... Si ci sta.
A livello europeo sarebbe interessante, ma non credo potrà mai succedere perchè in caso di separazione di uno stato dall'unione (vedi la gran bretagna), ci sarebbe una grave perdità di informazioni riservate con un ex membro che potenzialmente potrebbe diventare nemico. A livello italiano però esistono già i servizi segreti, non so esattamente cosa facciano, ma sembra già essere una realtà esistente e interessante.
 
Supporta Inforge con una donazione

ConanDP

Utente Bronze
15 Giugno 2016
24
10
36
A livello europeo sarebbe interessante, ma non credo potrà mai succedere perchè in caso di separazione di uno stato dall'unione (vedi la gran bretagna), ci sarebbe una grave perdità di informazioni riservate con un ex membro che potenzialmente potrebbe diventare nemico. A livello italiano però esistono già i servizi segreti, non so esattamente cosa facciano, ma sembra già essere una realtà esistente e interessante.
Infatti per fare una cosa del genere bisognerebbe andare ben oltre l'attuale sistema politico europeo passando ad una vera e propria federazione (cosa impossibile, perlomeno nel medio periodo), però dei tentativi di maggiore coesione si stanno facendo (il sistema dei CSIRT è intelligence).

Io ho sempre trovato molto interssanti i servizi segreti in generale, non mi dispiacerbbe andarci a lavorare, tra l'altro anche da noi si sta muovendo qualcosa sul fronte cybersecurity, durante il governo Conte si parlava di un istituto nazionale di cybersicurezza o addirittura di una riforma più complessiva dell'intelligence per superare il sistema attuale, non so se al governo Draghi hanno intenzione di fare qualcosa in proposito.
 
  • Mi piace
Reactions: 0xbro

0xbro

Moderatore
24 Febbraio 2017
3,226
2,151
894
Infatti per fare una cosa del genere bisognerebbe andare ben oltre l'attuale sistema politico europeo passando ad una vera e propria federazione (cosa impossibile, perlomeno nel medio periodo), però dei tentativi di maggiore coesione si stanno facendo (il sistema dei CSIRT è intelligence).

Io ho sempre trovato molto interssanti i servizi segreti in generale, non mi dispiacerbbe andarci a lavorare, tra l'altro anche da noi si sta muovendo qualcosa sul fronte cybersecurity, durante il governo Conte si parlava di un istituto nazionale di cybersicurezza o addirittura di una riforma più complessiva dell'intelligence per superare il sistema attuale, non so se al governo Draghi hanno intenzione di fare qualcosa in proposito.
Ci spero vivamente, sarebbe davvero un passo avanti, anche se piccolo sarebbe pur sempre il primo mattone per qualcosa di più grande per il futuro
 
  • Mi piace
Reactions: ConanDP

GrincH--

Utente Gold
2 Settembre 2010
545
203
241
Come vedete l'Agenda Digitale Italiana o altresì chiamata Agid? Personalmente, l'Italia soffre molto in campo cyber, che sia cybersec AI etc abbiamo più o meno 0 investimenti, 0 investitori e 0 startup. Abbiamo fallimentari aziende che potrebbero diventare qualcosa con una buona riorganizzazione industriale ma sono dimenticate dal mondo e persino da noi (tipo tiscali :asd: ) personalmente se devo dare i miei dati a qualcuno preferisco darli in Italia che a Google Shitbook o Amazon. Le nostre forze dell'ordine sono. abbastanza all'avanguardia, sopratutto l'esercito. Il problema grave e che mancano anche le persone, come dico spesso noi siamo 60MLN di persone e da quando la leva militare non è più obbligatoria in pochi scelgono una carriera militare. Ma cybersec, antiterrorismo, nuove tech per la difesa partono da lì. Esattamente come siamo indietro con i concetti di smart city e nessuno sembra aver voglia di fare qualcosa.
 
Supporta Inforge con una donazione

GoodMan

Utente Silver
21 Luglio 2020
173
47
77
Come vedete l'Agenda Digitale Italiana o altresì chiamata Agid? Personalmente, l'Italia soffre molto in campo cyber, che sia cybersec AI etc abbiamo più o meno 0 investimenti, 0 investitori e 0 startup. Abbiamo fallimentari aziende che potrebbero diventare qualcosa con una buona riorganizzazione industriale ma sono dimenticate dal mondo e persino da noi (tipo tiscali :asd: ) personalmente se devo dare i miei dati a qualcuno preferisco darli in Italia che a Google Shitbook o Amazon. Le nostre forze dell'ordine sono. abbastanza all'avanguardia, sopratutto l'esercito. Il problema grave e che mancano anche le persone, come dico spesso noi siamo 60MLN di persone e da quando la leva militare non è più obbligatoria in pochi scelgono una carriera militare. Ma cybersec, antiterrorismo, nuove tech per la difesa partono da lì. Esattamente come siamo indietro con i concetti di smart city e nessuno sembra aver voglia di fare qualcosa.
Forse è anche dovuto al paese stesso che invece di incentivare persone promettenti fa in modo che scappino in altri paesi dove vengono qualificati in modo onorevole e con salari decenti