Discussione News The Last of Us Part I il remake per PS5 al centro delle polemiche dopo i leak

Max Fridman

Community Manager
Amministratore
8 Agosto 2010
6,870
642
6,439
3,171
dfb_8uv3.1200.png


Avevamo già parlato del "caos" in Sony dovuto all'ossessione dell'azienda per i blockbuster. E che Naughty Dog fosse a lavoro sul remake di The Last of Us Part I per PlayStation 5 si sapeva ormai da Aprile 2021. Ma il titolo sembrerebbe essere sommerso dalle critiche degli utenti a causa delle sue caratteristiche, ritenute dal pubblico, deludenti.

The Last Of Us è una delle saghe videoludiche più pregiate dell'ecosistema Sony, acclamate dalla critica e con una serie televisiva in arrivo su HBO. E proprio grazie a questa nomea, aveva già ricevuto una versione "Remastered" per PS4 Pro, che ne aveva ulteriormente migliorato la grafica.



20220721-135933.jpg
Ed è proprio la presenza di questa versione ad infiammare il pubblico. Infatti dai leak emersi in rete, la versione "Remade for PS5" di TLOU Part I, avrebbe si una grafica migliorata, con un motion capture più accurato e molti più elementi e effetti a schermo, proprio grazie alla potenza di PS5.

Ma non avrebbe tutti i miglioramenti al gameplay apportati con TLOU Part II come ad esempio un combattimento migliorato dotato della possibilità di saltare, schivare e accovacciarsi e un'intelligenza artificiale si "reattiva" ma non abbastanza.

Le critiche, dopo i leak non sono tardate ad arrivare, vista che sarebbe la terza volta che The Last of Us Part I viene riproposto sul mercato, prima con l'originale su PS3 poi con la Remastered per PS4 Pro e adesso con un Remake per PS5.

Principalmente la nota dolente che fa infuriare i fan è il prezzo di vendita di 80 euro, per una versione solo marginalmente migliore della Remastered fatta per PS4 Pro e persino priva del multiplayer "Fazioni".

20220721-135936.jpg
Sony sarebbe corsa ai ripari pubblicando il 22 Luglio sul suo canale YouTube un video più dettagliato su questo "remake" per PS5. Mostrando quindi ulteriori elementi, ad esempio i pattern di movimento dei personaggi completamente rivisti, l'integrazione con il DualShock di PS5 per garantire più immersività al titolo e un'intelligenza artificiale migliorata dei "companion" che dovrebbero questa volta evitare di rovinare i momenti di tensione. Sinceramente il trailer gameplay lascia positivamente sorpresi e dimostra comunque il gran lavoro fatto dal team per migliorare un titolo già rimaneggiato più volte.



Resta da vedere se queste caratteristiche e i futuri trailer basteranno a placare gli animi e convincere le persone ad acquistare nuovamente questo titolo. Normalmente i titoli first party Sony e soprattutto di Naughty Dog, rimangono indifferenti a queste polemiche e il titolo sarà trainato anche dal probabile successo della serie TV su HBO.



Non dobbiamo dimenticarci infine che TLOU Part I remake è in arrivo anche su PC, sembra quindi essere un titolo pensato da Sony per continuare a dominare le vendite su PC, grazie al rilascio lento ma costante dei suoi titoli migliori su Steam, più che per il pubblico PS5.

E' difficile pensare che, come già successo con Horizon Zero Dawn nel 2020 e con Days Gone nel 2021 e quest'anno con God Of War, Spiderman (in arrivo ad Agosto 2022) e con Uncharted Legacy of Thieves Collection in arrivo alla fine dell'anno, i giocatori PC si lascino scappare questa versione di TLOU Part I quando arriverà su PC probabilmente nel 2023.

Anno che per Sony si prospetta già molto interessante e sicuramente le sorprese su questo fronte non smetteranno di arrivare, perché l'azienda ha intenzione di battere il ferro finché è caldo, come ha già annunciato ai suoi investitori all'inizio dell'anno.
 

Zetec

Utente Gold
17 Giugno 2012
416
31
125
248
Ho sempre avuto l'impressione che questo remake sia una manovra commerciale in vista della serie tv hbo in arrivo.
 

MRPants

Helper
4 Gennaio 2015
125
19
101
126
ma 80 euro sono davvero degni di critica per un titolo del genere ? insomma non siamo più nel 2016 , dico da non gamer ; capisco una volta dove il gamer medio aveva un armadio pieno di titoli , ma ora come ora i giochi che meritano sono gran pochi rispetto ad anni fà , chiaro che le case devono concentrare e massimizzare il profitto